lunedì 12 settembre 2011

Fassino scarica Penati! Anzi no, lo difende!

Quando scrivo che a criticare il PD non si sbaglia mai, scrivo a ragion veduta.
E sul caso Penati i quotidiani italiani si stanno sbizzarrendo in maniera clamorosa.
Succede che Piero Fassino rilascia un'intervista a Repubblica proprio su questa vicenda. Il Giornale critica l'ex segretario in questa maniera: "Scaricabarile su Penati" è il titolo e, all'interno, Laura Cesaretti ironizza: "
il sindaco di Torino non manca di sottolineare che l’ascesa nazionale di Penati non è certo avvenuta sotto la sua leadership, finita nel 2007. «Si dice sempre che Penati era capo della segreteria di Bersani. Ma in che anni? Nel 2009, vogliamo dirlo?», si chiede retoricamente su Repubblica. Dunque in epoca decisamente fuori dalla sua giurisdizione politica".
Uno è già lì pronto a commentare "dagli amici mi guardi Iddio", ma poi legge sul Corriere della Sera il puntuale affondo di Antonio Polito (un ipergarantista da sempre, poi è esploso il caso Penati e anche lui è stato folgorato sulla via di Damasco) e va in crisi: secondo l'editorialista, "è bastato che Fabio Mussi (...) alludesse alla possibilità che il congresso dei DS del 2001, vinto da Fassino fosse stato condizionato dai soldi del sistema Sesto, perché Fassino si producesse in una spericolata difesa dell'indagato ('escludo che ci sia stato un sistema... processo mediatico... conosco e stimo Penati')".
Insomma, mettetevi d'accordo: Fassino lo ha scaricato o no Penati?

Nessun commento:

Posta un commento