sabato 24 settembre 2011

La colonna infame di Repubblica

Ho sempre avuto un rapporto strano con la colonnina di destra del sito web di Repubblica. Credo che nell’intenzione del webmaster e del direttore di testata sia una sorta di spazio leggero, in cui il lettore medio del quotidiano – che non è l’omino del bar – può dare sfogo ai propri desideri gossippari senza troppa vergogna e senza ricorrere a Novella 2000.
Però.
Però diamo un’occhiata a quanto propone in questo momento detta sezione.

Madonna: ecco come fare anche la capofamiglia”.
La cantante è madre single e le viene dedicato un corposo articolo da Repubblica Club (l’ennesima ricicciatura di R2, la Domenica, il Sabato e così via) che la colonnina di destra, solerte, riprende. Bah, il mio commento, senza leggere il servizio, è che con tutti i soldi che ha, fare la madre single non deve essere poi così impossibile. Vadano a intervistare quella che fa l’operaia o la colf o l’insegnante, magari con ex marito che non paga gli alimenti.

La Jolie versione Lara Croft prende lezioni di volo
Della serie: ecchissene... Cinque foto, quattro delle quali senza didascalia, su altrettante pagine – un banalissimo trucchetto per stupire gli investitori pubblicitari con la frase “sapete, ogni giorno abbiamo tot pagine visitate su web” – che mostrano l’attrice sorridente mentre sale su un aeroplanino da turismo.

Brasile, l’arbitro simulatore: neanche sfiorato, si butta a terra
Ecco, questo è un classico. Si mette un video calcistico o sportivo scovato in qualche portale, con commento originale in lingua incomprensibile (il portoghese tanto e tanto; ma abbiamo visto video in finlandese o in fiammingo). L’interesse sulla notizia è quasi sempre pari a zero, stavolta con l'arbitro simulatore è andata pure bene, ma il più delle volte si tratta di una papera del portiere di una squadra di terza divisione danese ripresa al telefonino da un amico a bordo campo. Ma anche questo genere di servizio ha un perché: è introdotto da uno spot pubblicitario che ti devi sorbire fino all’ultimo secondo.

Federica Pellegrini: ho rifiutato Sanremo
Che palle! E’ tutta l’estate che ci scassano i cabasisi con la nuotatrice e il nuotatore. Ogni giorno ce n’è una, ora è la volta del festival. Seguono tre pagine di foto di repertorio: vedi sopra alla notizia su Jolie.

USA / Le immagini – Bufera in casa Sarah Palin. Il marito chiede il divorzio
Oh, questa può essere una notizia, forse. Leggi e scopri che si tratta del gossip di un tabloid scandalistico che ha ripreso la notizia da un altro tabloid scandalistico il quale non cita le fonti. Le immagini di cui si parla nel titolo non riprendono i due coniugi mentre si tirano i piatti (come qualche ingenuo potrebbe supporre), ma sono in realtà due foto di repertorio su altrettante pagine e senza didascalia (vedi sopra).

Il caso / Le immagini – ‘Beckham è morto’ la bufala scatena l’ira del web
Se si tratta di una bufala, perché proporla? Segue citazione di due, dico due, frasi twitterate da anonimi, e sottolineo anonimi, fans incavolati per lo scherzo di pessimo gusto: se questa è l’ira del web...
Tre pagine di immagini di repertorio di Beckham, totalmente scollegate alla bufala e senza didascalia (vedi sopra).


Vabbè, magari son io che son fatto strano. Però forse ho capito da dove il Tg1 trae ispirazione per i suoi servizi sui cani che provocano le liti tra vicini di casa.

P.S.: sì, è vero. Non ho linkato i servizi. C'è un motivo: così non andiamo a incrementare le statistiche di Repubblica sulle pagine visitate. Già ho alzato la media per scrivere questo post...

6 commenti:

  1. pienamente d'accordo.. il partito RepubblicaNo
    http://guerrinomacori.blogspot.com/2011/09/abusi-taciuti.html

    RispondiElimina
  2. mi piace il lapsus "segono" che rende ottimamente l'effetto che produce la stampa all'italiana...

    RispondiElimina
  3. per chi fosse interessato al caso palin:

    http://www.salon.com/news/politics/war_room/2011/09/21/mcginnispalin/index.html

    RispondiElimina
  4. [...la bufala scatena l’ira del web.]

    L'espressione riportata: "l'ira del web", mi ha ricordato questo articolo di Gilioli:

    http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/09/16/il-popolo-dei-passanti/

    RispondiElimina