martedì 25 febbraio 2014

Ieri sera si è recitato a soggetto

Improvvisando, Matteo Renzi ha fatto cadere Enrico Letta. Dico "improvvisando" perché durante la campagna per le primarie aveva sempre smentito che una volta diventato segretario avrebbe brigato per farlo cadere e anche successivamente alla sua elezione si era dato da fare per rasserenare il presidente del Consiglio. Però poi gli è capitata l'opportunità e ne ha approfittato.
Improvvisando, Matteo Renzi ha formato il suo primo governo. Dico "improvvisando" perché - se certe smentite dei diretti interessati sono vere - aveva in mente di dare responsabilità ministeriali ad alcune persone e poi al loro posto sono andate altre persone.
Improvvisando, Matteo Renzi ieri sera ha tenuto il suo primo discorso al Senato.

Il tempo dell'improvvisazione e delle recite a soggetto è terminato. Voglio sperare (sono fiducioso) che da oggi sia possibile assistere a qualcosa di diverso - e di più programmato - anche sul piano dei contenuti e non soltanto della forma.

2 commenti:

  1. Mai come in questo paese trova cosi ben applicazione l'adagio "chi visse sperando mori cacando".

    RispondiElimina
  2. Sono sostanzialmente in accordo con te, ma mi domando non è forse anche questa una capacità di un politico (non necessariamente di un buon politico)? Ripensando al percorso di Civati (parabola?) piuttosto che improvvisare lui preferisce indugiare, aspettare (ma sopratutto fare dichiarazioni). Oggi io non fatico a dare ragione ai vari critici di Renzi le cui scelte sembrano più quelle del giocatore di carte... Ma dentro al PD quale sarebbe l'alternativa? ed anche fuori cosa ci aspetterebbe?

    RispondiElimina